CODICE ETICO E DI CONDOTTA

NEL RISPETTO DEI DIRITTI UMANI (aggiornato al 01/12/2018)

La Conceria Nuvolari S.r.l. (denominata “Azienda”) presta grande attenzione agli aspetti etici dell’impresa e considera la legalità e la correttezza quali condizioni imprescindibili per lo svolgimento della propria attività aziendale. L’etica nell’attività imprenditoriale è infatti un approccio di fondamentale importanza per il buon funzionamento e la credibilità della Azienda verso i dipendenti, clienti, i fornitori e, più in generale, verso l’intero contesto economico nel quale la stessa opera. L’Azienda intende trasformare in un vantaggio competitivo la conoscenza e l’apprezzamento dei valori etici ai quali si rapporta, valori che non dovranno rimanere enunciati a livello formale, ma dovranno essere tradotti operativamente in condotte e comportamenti da parte di tutti i destinatari.

L’Azienda ha quindi deciso di adottare un preciso Codice Etico e di condotta nel rispetto dei diritti Umani (di seguito “Codice Etico), al fine di confermare e fissare in un documento i principi di correttezza, lealtà, integrità e trasparenza dei comportamenti, del modo di operare e della conduzione dei rapporti sia al proprio interno che nei confronti dei soggetti terzi. Tali soggetti sono tenuti, pertanto, a conoscere il contenuto del Codice Etico ed a contribuire alla sua attuazione ed alla diffusione dei principi in esso sviluppati. Le regole contenute nel Codice Etico integrano il comportamento che i Destinatari sono tenuti ad osservare in virtù delle leggi, civili e penali, e dei regolamenti vigenti, e degli obblighi previsti dalla contrattazione collettiva. In nessun modo la convinzione di agire a vantaggio della Conceria Nuvolari srl può giustificare l’adozione di comportamenti in contrasto con questi principi .

I Destinatari del Codice Etico, che ne violino le regole, ledono il rapporto di fiducia con l’Azienda, cagionandole un danno, e saranno soggetti alle sanzioni previste e alla conseguente esclusione dalla filiera produttiva.

L’applicazione del Codice Etico è demandata all’Organo Amministrativo, che si avvale delle strutture aziendali.

PRINCIPI GENERALI

I Destinatari del presente Codice Etico debbono attenersi, per quanto di loro competenza nell’esercizio di attività nell’interesse o a vantaggio dell’Azienda, ai seguenti principi guida:

  • agire in modo informato nel rispetto della legge e dei regolamenti vigenti;
  • trattare il personale dipendente, i fornitori, che la rappresentano, nonché ogni terzo con il quale si entra in rapporto per motivi professionali, con onestà, correttezza, imparzialità e senza pregiudizi;
  • tutelare la salute e la sicurezza propria e dei terzi;
  • monitorare e, ove del caso, minimizzare gli impatti potenzialmente nocivi delle attività aziendali sull’ambiente;
  • rifiutare omaggi, regalie e corruzione;
  • evitare o dichiarare preventivamente eventuali conflitti di interesse con la l’Azienda;
  • utilizzare i beni intellettuali e materiali dell’Azienda, inclusi gli strumenti informatici, nel rispetto delle norme generali e della loro destinazione d’uso ed in modo da tutelarne la conservazione e la funzionalità, nel rispetto dei diritti di proprietà intellettuale di terzi, evitandone l’utilizzo in violazione di ogni disposizione legale;
  • riconoscere violazioni e sanzioni.

Il presente Codice Etico ha effetto immediato e sino a revisione.

A tutti i Destinatari è fatto obbligo di prenderne adeguata conoscenza e di osservarlo.

E’ nostra intenzione condurre le attività in modo coerente con i più elevati standard etici e cercare e usare partner che facciano lo stesso, dato che ciò contribuisce direttamente alla nostra reputazione aziendale e al successo collettivo della nostra organizzazione nonché del partner selezionato. Pertanto tutti i Destinatari del presente Codice Etico dovranno adottare i nostri principi di correttezza, lealtà, integrità e trasparenza dei comportamenti , del modo di operare e nella conduzioni dei rapporto sia al proprio interno che nei confronti dei soggetti terzi, pertanto nel rispetto della legge e dei regolamenti vigenti.

TRATTAMENTO DIPENDENTI

La valutazione e la selezione del personale da assumere deve essere effettuata in base alla rispondenza dei profili dei candidati alle esigenze aziendali, adottando criteri di oggettività, competenza e professionalità, applicando il principio di pari opportunità senza favoritismi con il solo obiettivo di assicurarsi le migliori competenze esistenti sul mercato del lavoro.

I partner commerciali devono rispettare tutte le normative vigenti che regolano gli stipendi, gli orari lavorativi e i benefit previsti da vigente contratto nazionale di lavoro. Le politiche relative agli stipendi ed ai benefit devono essere coerenti con gli standard nazionali previsti. Non è consentita alcuna posizione di lavoro irregolare o di “lavoro nero”. Prima dell’instaurazione del rapporto di lavoro ogni dipendente deve ricevere un contratto scritto e ricevere adeguate informazioni relative ai contenuti normativi e retributivi del rapporto medesimo in modo che l’accettazione dell’incarico sia basata sull’effettiva conoscenza dello stesso. Inoltre devono assicurare che le agenzie di reclutamento esterne (incluso gli specialisti in intermediazione del personale) utilizzate operino in conformità alle disposizioni del presente Codice ed al diritto vigente ed inoltre devono fornire un elenco dell’agenzie di collocamento utilizzate e l’importo delle commissioni saldato alle stesse. Non avremo rapporti commerciali con aziende la cui struttura degli stipendi violi le leggi locali o le pratiche prevalenti del settore di appartenenza.

MANODOPERA MINORILE

I nostri partner commerciali non devono fare uso di manodopera minorile, definita come bambini e ragazzi in età scolare. I nostri partner commerciali non faranno uso di collaboratori di età inferiore ai 15 anni o al di sotto dell’età minima di ammissione al lavoro nel paese di appartenenza. Tale disposizione si estende a tutti gli stabilimenti dei partner. Inoltre, i lavoratori di età inferiore ai 18 anni non dovranno essere esposti a condizioni lavorative pericolose.

LAVORO FORZATO O COATTO

I partner commerciali non faranno uso di lavoro forzato e lavoro obbligatorio, il lavoro deve essere prestato su base volontaria ed i lavoratori devono essere liberi di porre termine al proprio impiego in qualunque momento senza punizioni. La definizione di lavoro involontario, include trasportare, dare rifugio, reclutare, trasferire, ricevere o impiegare persone con minacce, la forza, la coercizione, il rapimento, la frode o pagare chiunque abbia il controllo su altri a scopo di sfruttamento.

I partner aziendali devono assicurarsi che non siano imposte commissione o costi da addebitarsi, in modo diretto o indiretto, del tutto o in parte, a coloro che sono in cerca di lavoro o ai lavoratori per i servizi legati direttamente al reclutamento per posizioni lavorative temporanee o permanenti, incluso quando sono utilizzati servizi di collocamento privati, specialisti in intermediazione del personale o agenti di collocamento o che svolgano attività di reclutamento del personale direttamente.

I lavoratori non sono tenuti a pagare le commissioni di collocamento dei datori di lavoro, né dei loro agenti o altre commissioni simili (quali commissioni del paese ospite come commissioni per il visto, controlli medici e qualunque altro costo che non ricada sotto la responsabilità legale del lavoratore) per ottenere l’impiego. Se si accerta che sono state pagate commissioni da parte deli lavoratori, i nostri partner commerciali dovranno tempestivamente restituire le somme in questione al lavoratore. I lavoratori non devono essere soggetti a trattenute degli stipendi diverse da quelle previdenziali e assistenziali), dei documenti di identità originali, dei passaporti originali o di altri documenti di viaggio o proprietà personali.

I partner commerciali inoltre devono assicurare che le agenzie di reclutamento esterne (incluso gli specialisti in intermediazione del personale) utilizzate operino in conformità alle disposizioni del presente Codice ed al diritto vigente ed inoltre di devono fornire un elenco dell’agenzie di collocamento utilizzate e l’importo delle commissioni saldato alle stesse.

LIBERTA’ DI ASSOCIAZIONE E DISCRIMINAZIONE

I partner commerciali sono tenuti a rispettare i diritti di legge dei dipendenti di libera partecipazione e senza ritorsioni alle organizzazioni sindacali di loro scelta. Inoltre non dovranno praticare alcuna forma di discriminazione impropria nell’assunzione e collocamento su base dell’età, delle origini etniche, del colore della pelle, del sesso, della religione, dell’orientamento politico o sessuale o della nazionalità né lavoreranno con partner commerciali che applichino tali pratiche discriminatorie.

PRATICHE DISCIPLINARI

I partner commerciali non useranno né avranno attività commerciali con partner che facciano uso di qualunque forma di coercizione fisica e mentale o di punizione nei confronti dei lavoratori.

TRATTAMENTO FORNITORI E TERZI

La selezione del partner commerciale e la determinazione delle condizioni d’acquisto sono basate su una valutazione obiettiva della qualità, del prezzo dei prodotti e dei servizi offerti, della capacità di fornire e garantire tempestivamente servizi e prodotti di livello adeguato alle esigenze dell’Azienda.

In nessun caso un fornitore dovrà essere preferito ad altro in ragione di rapporti o vantaggi personali, diversi da quelli dell’esclusivo interesse e beneficio dell’Azienda.

I fornitori di macchinari e attrezzature dovranno essere selezionati anche sulla base della rispondenza delle forniture al rispetto delle normative in materia di sicurezza e igiene del lavoro e alle normative ambientali.

Le forniture di dispositivi di protezione individuale e comunque dei dispositivi generali di sicurezza e prevenzione saranno conformi agli obblighi in materia di certificazione ed idoneità, generale e specifica, in relazione all’uso previsto.

ESTERNALIZZAZIONE

I nostri partner commerciali non possono esternalizzare in modo totale o parziale la lavorazione dei nostri prodotti o servizi forniti senza il nostro precedente benestare scritto, che sarà rilasciato solo se il terzista soddisfa tutti i criteri ivi indicati.

SALUTE E SICUREZZA

I Partner commerciali devono assicurare un ambiente sicuro e salubre ai lavoratori in cui essi possano svolgere le proprie mansioni in condizioni di lavoro rispettose della dignità individuale, senza pericoli e nel rispetto della normativa in materia.

I partner devono valutare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro.

IMPATTO AMBIENTALE

I partner commerciali devono sposare il concetto di protezione dell’ambiente e condurre le proprie attività in accordo con le pratiche ambientali internazionalmente riconosciute , programmando la propria attività non solo ricercando un equilibrio tra esigenze economiche e ambientali, ma cercando di eliminare il più possibile gli impatti ambientali connessi alla realizzazione dei propri prodotti.

APPROVVIGIONAMENTO RESPONSABILE DEI MINERALI

Incoraggiamo i fornitori che fanno uso di cassiterite (stagno) columbo-tantalite (tantalio), oro e wolframite (tungsteno) necessari alla funzionalità o alla fabbricazione degli articoli che produciamo o che facciamo produrre, di approvvigionarsi di tali minerali in modo responsabile dal punto di vista ambientale e sociale.

REGALIE E CORRUZIONE

Per i partner commerciali non è ammessa alcuna forma di regalo, omaggio o beneficio a favore di dipendenti o agenti o ricevuta dagli stessi, per un valore superiore ad Euro 100,00 che possa essere interpretata come eccedente le normali pratiche commerciali e di cortesia, o comunque rivolta ad acquisire trattamenti di favore illeciti nella conduzione di qualsiasi attività collegabile all’Azienda o allo scopo di influenzare un atto o una decisione o di assicurate un vantaggio improprio..

In particolare, è vietata qualsiasi tipologia di donazione finalizzata a influenzarne l’indipendenza di giudizio (noto come tangenti o “bustarelle”.)

L’offerta o il ricevimento di pasti, rinfreschi ed intrattenimento in relazione ad incontri d’affari è permesso.

CONFLITTI DI INTERESSE

I Destinatari del Codice Etico devono evitare tutte le situazioni ed attività in cui si possa manifestare un conflitto di interesse tra le attività economiche personali e le mansioni ricoperte all’interno della struttura di appartenenza.

Nella conduzione di qualsiasi attività di interesse dell’Azienda, devono pertanto sempre essere evitate e risolte prontamente le situazioni ove i soggetti coinvolti siano in conflitto di interesse.

Si ritiene sussistente un conflitto di interesse nel caso in cui un dipendente, un collaboratore o un amministratore persegua un obiettivo diverso da quello per seguito dalla Conceria Nuvolari Srl , ovvero si procuri volontariamente o tenti di procurarsi un vantaggio personale in occasione del compimento di attività svolte nell’interesse dell’Azienda, o lo procuri a terzi.

TRATTAMENTO DEI DATI

Il trattamento dei dati e delle informazioni di cui ogni partner commerciale viene a conoscenza nello svolgimento delle attività aziendali deve avvenire nel pieno rispetto della riservatezza degli interessati e conformemente alla normativa in materia di privacy.

Tutte le informazioni, in particolare quelle apprese nell’ambito delle attività svolte dai clienti, debbono considerarsi riservate e non possono essere divulgate a terzi, né utilizzate per ottenere vantaggi personali, diretti o indiretti.

Anche per garantire il rispetto delle normative in materia di privacy, si persegue l’utilizzo corretto e responsabile degli strumenti informatici e telematici; è vietato ogni uso che abbia per scopo la raccolta, l’archiviazione e la diffusione di dati e di informazioni a fini diversi da quelli connessi all’esercizio dell’attività.

VIOLAZIONI E SANZIONI

La nostra relazione commerciale deve essere costruita sul rispetto reciproco e l’aderenza ai requisiti di legge. I partner commerciali osserveranno le norme locali nonché quelle internazionali applicabili. La violazione delle disposizioni del presente Codice Etico costituirà illecito disciplinare ed inadempimento alle obbligazioni contrattuali del rapporto di lavoro dipendente o funzionale o di collaborazione professionale, con ogni conseguente effetto di legge e di contratto, anche ai sensi dell’art. 2104 e 2105 c.c.; potrà altresì costituire giusta causa ai sensi degli artt. 2383 e 2400 c.c. e conseguentemente comportare l’esclusione dalla filiera produttiva.